Passa ai contenuti principali

Post

Back to the Backlog - Fallout: New Vegas - Parte IV: Nipton Horror Story

Liberata Primm ed estinti i Powder Gangers che avevano occupato la prigione, posso riprendere il cammino. Gli indizi portano a Novac, ma per raggiungerla bisogna passare per la città di Nipton. Al Mojave Outpost, la NCR mi aveva avvisato di aver perso i contatti con la città di Nipton ma non avrei mai potuto immaginare come stavano le cose...
Fumo nero si alza dal centro cittadino e i dintorni della città sono avvolti nel più profondo silenzio. La popolazione sembra completamente assente. Del resto sono anche le 4:00 del mattino, sarebbe strano diversamente. Aspetta... no... quel puntino azzurro si muove. Oh no, è un altro di quei coglioni dei Powder Gangers.

Oliver, ma che cazzo stai dicendo? La lotteria? Lo lascio al suo destino e mi addentro nella città ammirandone l'arte contemporanea che permea in ogni dove.

In questa immagine possiamo ammirare un tipico Cristo su telegrafo del Vulpes. Lo scheletro, perfettamente scarnificato, china il capo come a voler ricongiungersi ai cari che…
Post recenti

Back to the Backlog - Fallout: New Vegas - Parte III: Marabunta

La strada verso Primm è noiosamente piatta. Erba marrone, qualche pianta senza acqua. Sto per darmi per vinto, rinunciare alla mia vendetta e piantarmi una pallottola in fronte per la noia quando, improvvisamente, avvisto un gigantesco scorpione. Blu. Lo osservo col binocolo ma non sembra muoversi. Attorno ad esso però si muove qualcosa, che non riesco bene a identificare. Sparo un colpo di avvertimento. Nota al futuro me: non sparare colpi di avvertimento.

Nemmeno dopo aver visto Mamma mi si sono ristretti i ragazzi avrei immaginato di aver paura delle formiche. Saranno almeno una decina. Kill them with fire mi viene in mente. Ho solo un fucile con una sessantina di colpi. Ce la posso fare. Sparo un colpo. Sono resistenti, ma potrebbe andare peggio. Potrebbero volare.

Boccaccia mia.  Avanzo un bossolo dietro l'altro, lasciando alle mie spalle una scia di cadaveri e riesco finalmente ad arrivare al luogo che stavano proteggendo.

... Gran Premio di Formica 1? Possibile che Bernie Eccle…

Back to the Backlog - Fallout: New Vegas - Parte II: Goodsprings

Esco dalla casa del dottore che è giorno. Goodsprings, dicevo, è una città di merda. Vecchia cittadina mineraria, si trova allo sbando. La cava è infestata di scorpioni radioattivi giganti, a sud una recente ribellione della prigione ha creato grossi fenomeni di delinquenza e saccheggio verso la città. Città... parole grosse. E' un paesotto con quattro abitanti in croce. La città riveste un punto strategico grazie alla sua fonte di acqua pulita. Pulita e radioattiva. Ma di questi tempi non ci si può troppo lamentare.
Ho solo due indizi: il cimitero e il robot che mi ha salvato. Convenientemente sono nella direzione opposta. Il cimitero è in cima ad una collina, mi reco lì in modo da poter studiare la città dall'alto.
Mi hanno sparato qui. Mai potrò perdonarli di aver tentato di ammazzarmi in questo buco di culo, pieno di mosconi giganti. Niente fiori nelle tombe, solo erbacce buone a fare uno stufato. E... una palla di neve? I turisti e i loro gadget. Vicino alla tomba, un indizi…

Back to the Backlog - Fallout: New Vegas - Parte I

Quando è uscito Fallout: New Vegas dovevo ancora completare Fallout 3: passare da un gioco a un gioco identico ma fatto meglio ha il problema che le ore del secondo si sommano alle ore del primo. Arrivato a 50 ore di New Vegas sentii di averne giocate almeno 100, la mia passione per il gameplay scricchiolò e a nulla valse la voglia di vedere quel che ancora non avevo visto del gioco Obsidian.
Tento quindi, a distanza di anni, di completare Fallout: New Vegas unendolo alla voglia di scrivere in questo blog. Spero che le due cose si autoalimentino e che la necessità di costruire una narrazione del gioco nel blog, mi spinga a sperimentare e a divertirmi fino a completarlo. Penso che alla narrazione affiancherò un po' di commenti e un reportage fotografico. Ovviamente saranno posts pieni di spoilers. Questo primo post sarà un po' meno divertente perché non ho foto o altro, avendo deciso di prendere screenshots solo dopo aver lasciato Goodsprings, l'area tutorial del gioco.
Inizi…

Single-player: uno stile

Non mi piacciono gli Altri-Giocatori™
Non ho nulla contro di loro, ma semplicemente li odio. Spesso troppo competitivi, sovente troppo sboccati, sempre e comunque troppo ingombranti, gli Altri-Giocatori™ rovinano il mio giocare. 
Dopo una lunga giornata di lavoro, magari a contatto con persone di ogni risma, non c'è niente di peggio che ritrovare i più beceri personaggi della realtà nel proprio gioco preferito. Ed è principalmente per questo che il mio interesse di videogiocatore si concentra sui giochi single-player. Definisco io il mio ritmo, mi fermo quando più mi aggrada, se ho di meglio da fare stacco e se muoio o combino un disastro, nessuno mi insulta.
Più invecchio, meno ho pazienza per la competizione insita in un gioco online. Ho apprezzato qualche esperienza cooperativa e alcuni giochi hanno un'interessante opzione per far entrare gli Altri-Giocatori™ nel mondo di gioco o per entrare a nostra volta nel gioco di altri. Nulla però raggiunge le vette di puro godimento del…